foto

PAIVI TIRKKONEN

Paivi Tirkkonen opera nel settore della cultura e dell’arte a seguito dell’intensa attività dal 1990 in qualità di curatore, coordinatore e commissario nel medesimo ambito.
Lei promuove l’arte contemporanea attraverso l’organizzazione di esposizioni in Italia ed all’estero, dibattiti e conferenze stampa presso sedi qualificate ed innovative e l’edizione di cataloghi e pubblicazioni di curatori e storici dell’arte. Favorisce gli scambi e la circolazione delle informazioni collaborando internazionalmente con le istituzioni governative, musei, fondazioni, gallerie e associazioni di tutto il mondo.
Dal 1995 Paivi Tirkkonen collabora con la Biennale di Venezia per la realizzazione delle esposizioni di Padiglioni Nazionali ed Eventi Collaterali. Si deve infatti ad un’idea di Paivi Tirkkonen l’istituzione dei nuovi padiglioni fuori dalle aree canoniche dei Giardini e dell’Arsenale, divenuti ormai parte integrante e imprescindibile della Biennale di Venezia, e la presentazione di numerose nuove partecipazioni internazionali, a partire dal 1995 quando propone, organizza e cura la prima partecipazione ufficiale di Taiwan. Dal 1995 ad oggi Paivi Tirkkonen ha realizzato 85 esposizioni (45 Partecipazioni Nazionali e 40 Eventi Collaterali): oltre ai padiglioni di Georgia, Portogallo,  Repubblica Araba Siriana, Cipro, Grecia, Lussemburgo,  Indonesia, Iran, Repubblica di Macedonia, ha promosso le nuove partecipazioni di Taiwan (Biennale d’Arte 1995), Estonia (Biennale d’Arte 1997), Lettonia (Biennale d’Arte 1999 – Biennale d’Architettura 2002), Ucraina (Biennale d’Arte  2001 – Biennale d’Architettura 2002), Giamaica (Biennale d’Arte 2001), Singapore (Biennale d’Arte 2001 – Biennale d’Architettura 2004), Hong Kong (Biennale d’Arte 2001 – Biennale d’Architettura 2006), Marocco (Biennale d’Arte 2005), Macao  (Biennale d’Arte 2007), Repubblica del Gabon (Biennale d’Arte 2009), Principato di Monaco (Biennale d’Arte 2009).

Dal 1998 viene realizzata in collaborazione con il Comune di Venezia OPEN Esposizione di Sculture ed Installazioni, ha ospitato oltre 200 artisti provenienti da 75 Paesi e 160 curatori di fama internazionale, favorendo la diffusione e la fruibilità dell’arte contemporanea al di fuori delle sedi usualmente convenute nel territorio veneto.